Chi siamo

L’Associazione Archeoworking nasce a Potenza e fonda la propria attività sulla valorizzazione del patrimonio archeologico. Ha come oggetto sociale la didattica e la formazione, promosse attraverso l’ideazione di progetti per le scuole di ogni ordine e grado. Il team Archeoworking è composto da archeologhe specializzate nell’elaborare percorsi complementari alle attività curricolari, finalizzati ad una corretta fruizione delle civiltà antiche e alla riproduzione delle tecnologie del passato. Partecipa, in collaborazione con Musei, Soprintendenze ed enti territoriali, alla progettazione di eventi culturali e all’allestimento di mostre.

 Archeoworking

Rossana Greco

foto-rossana-greco

Si è laureata in Conservazione dei Beni Culturali, indirizzo archeologico, area classica, presso l’Università degli studi di Pisa con una tesi in “Storia della produzione artigianale e della cultura materiale” dal titolo: “La donna nella Basilicata antica: Gioielli e Ornamenti d’uso personale rinvenuti nelle Valli dell’Agri e del Sinni tra l’VIII e il V secolo a.C.” (A. A. 2000-2001).

Ha partecipato ai moduli didattici “Bibliotecario manager e gestione della biblioteca”e “Informatica e nuovi media al servizio della catalogazione e valorizzazione”, nell’ambito del “Master in studi sul libro antico per la formazione di figure di bibliotecario manager impegnato nella gestione di raccolte storiche”, organizzato dal Centro interdipartimentale di studi sui beni librari e archivistici dell’Università degli Studi di Siena (A. A. 2002-2001).

Ha conseguito il Diploma di Master biennale di II livello in “Analisi e Progettazione del paesaggio archeologico e dei Musei”, indetto dalla Scuola di Alta formazione in Archeologia e Architettura della città classica dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria con una tesi di specializzazione dal titolo “Per un modello di parco archeologico a Locri Epizefiri, linee guida e idee progettuali”(A. A. 2003-2004).

Ha frequentato il corso trimestrale internazionale “Restauro dei manufatti archeologici”, organizzato dall’Istituto per l’ Arte e il Restauro Palazzo Spinelli a Firenze (2004).

Ha conseguito il Diploma di Master di II livello in Mediazione Culturale nei Musei: “Aspetti Didattici Sperimentali Valutativi”, presso il Centro di didattica museale dell’Università Roma Tre (A. A. 2008-2009).

Si è perfezionata, presso il Centro Interuniversitario For.Com, in “ L’insegnamento della storia: metodologie didattiche” con la seguente tesi di perfezionamento: “La didattica laboratoriale nell’insegnamento della storia” (A.A 2009-2010).

Nel corso della formazione universitaria, ha preso parte a stages di classificazione di reperti mobili e a campagne di scavo condotte dall’Università di Pisa.

Nella formazione post laurea ha svolto uno stage di orientamento presso il Museo Archeologico Provinciale di Potenza; ha preso parte agli stages formativi organizzati dalla Scuola di alta formazione frequentata, all’estero (Atene) e in Italia (Sibari, Agrigento, Selinunte), finalizzati ad approfondire la conoscenza degli impianti urbanistici, l’organizzazione dei parchi archeologici e ad analizzare e confrontare la diversità delle esposizioni museali.

Ha seguito uno stage di archeologia sperimentale presso il centro “Gli Albori” di Campagnatico (Gr), organizzato con la collaborazione scientifica dell’Università di Ferrara.

Ha Collaborato con la Provincia di Firenze, in qualità di docente specializzato nella disciplina archeologica, nell’ambito dell’ideazione e dello svolgimento di corsi formazione (2004).

Ha Collaborato con il Centro della didattica della storia della Provincia di Pisa alla sperimentazione di un modello metodologico basato sull’utilizzo del bene culturale quale sussidio funzionale alla ricerca storica, elaborando un quaderno didattico per docenti relativo alla fisionomia urbanistica di Pisa etrusca e romana ( Dal 2005- al 2006).

Ha svolto interventi didattici, in qualità di esperto esterno, nelle scuole primarie e secondarie delle città di Pisa e Potenza, finalizzati alla formazione degli allievi e alla conoscenza e valorizzazione del patrimonio archeologico urbano e territoriale (Dal 2006 – al 2009).

Ha collaborato con l’Assessorato alle politiche sociali del Comune di Potenza nell’ambito dell’iniziativa sociale “La Bella Estate”, con il ruolo di guida nelle aree archeologiche della regione ( Dal 2007- al 2008).

Ha elaborato il progetto di didattica museale: “Museando, imparare giocando” per il Museo Archeologico Nazionale della Basilicata Dinu Adamesteanu in qualità di consulente scientifico per la didattica museale (2007).

Ha organizzato la Conferenza la “Scuola incontra il Museo” svoltasi presso il Museo Archeologico Dinu Adamesteanu di Potenza, relazionando sulla didattica museale e dell’archeologia (2007).

Risultata idonea da graduatoria pubblica, ha collaborato con il Museo Archeologico di Camaiore (Lu) per lo svolgimento del Servizio didattico Museale in qualità di esperta nell’ambito dell’archeologia dei Popoli Italici e della Magna Grecia e all’innovativo progetto di allestimento del Museo didattico (Dal 2007 al 2012).

Ha elaborato il percorso “La scuola al Museo, un percorso di didattica museale: allestimento e comunicazione,” e ha partecipato al tavolo tecnico nell’ambito del progetto del Mibac “Cultura a porte aperte” ( 2009).

Ha svolto il servizio di Guida selezionata alla mostra: Modica: “Inseguire la pittura” a cura di Laura Gavioli, realizzata dall’Amministrazione comunale di Potenza presso la Galleria Civica (2010).

Ha collaborato all’allestimento della mostra: Ernesto Treccani, Spazi e Colori di Lucania, curata da Massimo Bignardi e Nino Tricarico, realizzata dall’Amministrazione comunale di Potenza in collaborazione con l’Associazione culturale “Il Museo e La Città” (2010).

Dal 2010 ad oggi, in qualità di socio fondatore dell’Associazione sociale Archeoworking, collabora con il Museo Archeologico Nazionale Dinu Adamesteanu all’ideazione e allo svolgimento di percorsi laboratoriali rivolti alle scuole di ogni ordine e grado, e organizza attività didattiche e la progettazione di eventi culturali per Musei, Soprintendenze ed Enti territoriali.

Annarita Sannazzaro

foto-annarita-sannazzaroSi è laureata con il massimo dei voti in Conservazione dei Beni Culturali, indirizzo Archeologico, presso l’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli con una tesi in “Metodologia e tecnica della ricerca archeologica”, dal titolo Modalità insediative tra il Basento e il Cavone dalle origini al periodo augusteo (A.A. 2003-2004).

Ha frequentato il Master Universitario di II Livello in Studi storico–artistici e di tutela e valorizzazione del patrimonio culturale e dell’ambiente, presso la LUMSA di Roma (A.A. 2004-2005).

Ha ottenuto l’Abilitazione all’Esercizio della Professione di Guida Turistica esperta nel patrimonio archeologico e storico-artistico della regione Basilicata – L.R. n. 35 del 08.09.1998 – Iscrizione all’Albo delle Guide regionali: n. 304 (2011).

Ha conseguito il Diploma di Specializzazione in Archeologia Classica presso l’Università degli Studi della Basilicata – Scuola di Specializzazione in Archeologia con una tesi in “Archeologia e Storia dell’Arte greca” dal titolo Alla ricerca di un santuario perduto: la stipe votiva di Monticchio Bagni, località Varco della Creta (A.A. 2008-2011).

Ha svolto tirocini di orientamento e attività di stage post laurea e post specializzazione presso il Servizio Educativo della Soprintendenza Archeologica delle province di Napoli e Caserta, la Soprintendenza per i Beni Archeologici della Basilicata, l’Amministrazione Provinciale di Potenza-Museo Archeologico Provinciale ed il Consiglio Nazionale delle Ricerche – Istituto per i Beni Archeologici e Monumentali di Potenza (2006-2012)

Ha partecipato a campagne di scavo, ricognizioni e sorveglianze archeologiche nel Centro e nel Sud d’Italia dirette dall’Università degli Studi della Basilicata, dalla Direzione per i Beni Culturali e Paesaggistici della Basilicata, dall’Università degli Studi di Firenze – Dipartimento di Antropologia e dall’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli (dal 2001 ad oggi).

È stato Istruttore amministrativo nella Provincia di Potenza – Assessorato alla Cultura, dove ha curato l’organizzazione e la gestione degli eventi e delle attività culturali dell’Ente presso il Museo Archeologico, la Pinacoteca ed i Comuni del territorio provinciale (biennio 2007-2009).

Ha collaborato all’organizzazione del I Festival di Archeologia Sperimentale, presso il Museo Archeologico Nazionale di Muro Lucano (PZ), realizzato dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici della Basilicata in collaborazione con l’Università degli Studi di Ferrara (2007).

Ha cooperato con la società Museiamo Milano s.r.l. al progetto Archeologia on line, progetti innovativi per la fruizione del Patrimonio Archeologico (Progetto Minerva): ideazione dei testi scientifici per la realizzazione dei Siti Web dei Musei Archeologici Nazionali della Basilicata (gennaio-dicembre 2007).

Ha ottenuto l’incarico afferente il Modulo formativo genitori – Programma Operativo Nazionale Misura n. 3 – Azione 3.1. (I in graduatoria pubblica) presso il VI Circolo Didattico di Potenza (2007).

È risultata II in graduatoria pubblica nell’elenco delle Guide di Città (Amministrazione Comunale di Potenza); ha svolto visite guidate e laboratori didattici per la mostra Un Santo e la sua immagine. San Francesco d’Assisi nell’iconografia in terra lucana, a cura di Fra Domenico Marcigliano, presso la Galleria Civica di Palazzo Loffredo a Potenza (2009-2010).

Ha collaborato con la Soprintendenza per i Beni Archeologici del Molise alla realizzazione della manifestazione Giornate di Archeologia Sperimentale presso i Musei Archeologici di Campobasso ed Isernia e le aree archeologiche di Sepino e Larino (2010).

Ha collaborato all’allestimento di diverse mostre archeologiche, tra le quali Frammenti di storia lucana. Torre di Satriano e l’area nord lucana presso il Museo Archeologico Provinciale di Potenza, realizzata dalla Provincia di Potenza in collaborazione con l’Università degli Studi della Basilicata e la Soprintendenza per i Beni Archeologici della Basilicata (2007); Alle foci del Danubio. Le città greche e romane della Dobrugia presso il Museo Archeologico Nazionale “Dinu Adamesteanu” di Potenza, realizzata dalla Soprintendenza Archeologica della Basilicata in collaborazione con l’Accademia di Romania a Roma (2007); Alla ricerca della corona d’oro di Critonio, realizzata dalla Soprintendenza Archeologica della Basilicata presso la Sala Consiliare del Comune di Armento (PZ) (2007).

Ha partecipato all’allestimento, ha svolto visite guidate ed attività didattiche per numerose mostre di arte moderna e contemporanea, tra le quali si distinguono: 13×17 e Il Leone di Napoli” a cura di Philippe Daverio presso il Museo Archeologico Provinciale di Potenza e il Museo di Castel dell’Ovo a Napoli (2006), Pasolini 1975, fotografie di Dino Pedriali (2007) presso il Museo Archeologico Provinciale di Potenza, Michelangelo: splendide anatomie, organizzata dalla Fondazione “Casa Buonarroti” di Firenze e curata da Pina Ragionieri presso la Pinacoteca Provinciale di Potenza (2007), A Berlino c’era un buco, fotografie di Pasquale Modica (2007) presso la Pinacoteca Provinciale di Potenza; ha curato le schede biografiche delle artiste partecipanti alla mostra Mani di donna a cura di Rino Cardone, presso la Pinacoteca Provinciale di Potenza (2007); ha collaborato nella segreteria organizzativa della mostra Angelo Brando. Opere scelte 1895-1946, proposte per un Museo a cura della Soprintendenza per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico della Basilicata presso la Pinacoteca Provinciale di Potenza (2008).

Ha partecipato con propri interventi ad alcuni convegni sull’Archeologia e il Geoturismo, ha svolto numerosi progetti didattici di Archeologia negli Istituti di ogni ordine e grado della città di Potenza e del territorio provinciale; ha svolto lezioni sul patrimonio culturale regionale presso l’Unitre di Basilicata e varie Associazioni Culturali, ha collaborato con il CSV e Legambiente Basilicata al progetto formativo Percorsi nel tempo: un viaggio per scoprire, tutelare le risorse archeologiche, geologiche e naturaliste del proprio territorio (2007), ha partecipato con un intervento didattico alla manifestazione Generazioni in viaggio. Storia, memoria e identità nel 150º anniversario dell’Unità d’Italia, nell’ambito del Progetto 150 anni di futuro. Buona Italia a tutti, a cura dell’Amministrazione Provinciale di Potenza (2011).

Ha pubblicato articoli sulla musealizzazione degli scavi archeologici di Atella, ha partecipato a numerose attività di redazione e comunicazione, tra le quali si annoverano: la curatela della postfazione e la collaborazione alla realizzazione del volume Ombre e riflessi di un tempo antico, raccolta di pubblicazioni scientifiche sugli scavi archeologici di Atella a cura di E. Borzatti von Löwenstern (2008); la curatela dell’opuscolo Il Museo Archeologico Provinciale di Potenza (2008), la realizzazione della Scheda di comunicazione del Museo Archeologico Provinciale di Potenza, pubblicata sull’Annuario dei Musei Italiani (edizione 2008-09, pag. 313, Società Magna Grecia Editore), la redazione della bibliografia generale del volume Felicitas temporum, catalogo del Museo Archeologico Nazionale di Muro Lucano (PZ) (2009).

Attualmente svolge la libera professione ed organizza le attività didattiche e la progettazione di eventi culturali dell’Associazione di Promozione Sociale Archeoworking, con la mansione di Presidente, in collaborazione con Musei, Soprintendenze ed Enti territoriali.

Paola Perrone

foto-paola-perroneLaurea magistrale conseguita col massimo dei voti in Conservazione dei Beni Culturali – indirizzo Archeologico, presso l’Università degli Studi della Tuscia di Viterbo con una tesi in Archeologia e Storia dell’arte greca e romana dal titolo “I marchi su lucerne nell’Italia centrale tirrenica. Un’indagine sui rapporti tra instrumentum domesticum e prosopografia dei ceti dominanti” (A.A. 2003/2004).
Ha frequentato il Master in “Management e Valorizzazione dei Beni Culturali” organizzato da CSEA MED in collaborazione con la Regione Basilicata (2005)

Ha svolto un tirocinio formativo e attività di stage post laurea presso la Soprintendenza per i Beni Archeologici della Basilicata (2006)

Ha conseguito con il massimo dei voti il Diploma di Specializzazione in Archeologia Classica presso l’Università degli Studi della Basilicata – Scuola di Specializzazione in Archeologia di Matera, con una tesi in “Archeologia e Storia dell’Arte greca” dal titolo “ Ricerche sulla cultura materiale in età romana. Le lucerne della villa dei Bruttii Praesentes a Marsicovetere (loc. Barricelle)” (A.A. 2009/2010).

Incarico di collaborazione occasionale con l’ Università degli Studi della Tuscia – Dipartimento di Scienze del Mondo Antico, per attività di informatizzazione del patrimonio librario e distribuzione di testi nel nucleo bibliotecario di dipartimento (2003);

Collaborazione occasionale con la Soprintendenza per i Beni Archeologici della Basilicata per attività di schedatura e catalogazione di materiale archeologico (Coroplastica votiva proveniente dal Santuario lucano di Ruoti- Fontana Bona) (2006);

Collaborazione all’allestimento dell’esposizione permanente presso il Museo delle Antiche Genti di Lucania, Vaglio di Basilicata (2006) e visite guidate alla mostra “Coralli Segreti” ed alla collezione permanente del Museo Archeologico Nazionale “Dinu Adamesteanu” (2006);

Collaborazione con Soprintendenza per i Beni Archeologici della Basilicata all’allestimento della mostra documentaria “Alla ricerca della corona di Critonio” presso la Sala Consiliare del Comune di Armento (2007);

Ha collaborato all’organizzazione del I Festival di Archeologia Sperimentale, presso il Museo Archeologico Nazionale di Muro Lucano (PZ), realizzato dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici della Basilicata in collaborazione con l’Università degli Studi di Ferrara (2007);
Ha pubblicato l’intervento “Il santuario lucano di Ruoti – Fontana Bona”, in Felicitas Temporum. Dalla terra alle genti: la Basilicata settentrionale tra archeologia e storia, Potenza 2008, pp. 558- 563, ed ha curato la redazione della bibliografia generale del volume Felicitas temporum, catalogo del Museo Archeologico Nazionale di Muro Lucano (2009);

Ha collaborato con la Soprintendenza per i Beni Archeologici del Molise alla realizzazione della manifestazione Giornate di Archeologia Sperimentale presso i Musei Archeologici di Campobasso ed Isernia e le aree archeologiche di Sepino e Larino (2010).

Ha partecipato a scavi, ricerche e ricognizioni archeologiche nel Lazio e nella Basilicata, ed ha seguito l’attività di sorveglianza archeologica in numerosi cantieri a seguito di opere di infrastrutturazione del potentino, tra cui a Montemurro (Pz), a Marsico Nuovo (PZ), Venosa (Pz) (2001 ad oggi).

In qualità di socio fondatore dell’Associazione di Promozione Sociale Archeoworking collabora con il Museo Archeologico Nazionale della Basilicata “Dinu Adamesteanu” all’elaborazione di percorsi laboratoriali rivolti alle scuole di ogni ordine e grado.

 

 

Archeoworking
Via Ancona, 22 – 85100 Potenza (PZ)
archeoworking@gmail.com